Dragomania: Heinrich

Dragomania giunge oggi al termine. In questo ultimo episodio conosceremo la figura di Heinrich, "primo della classe" tra i servitori del Drago, e per questo colpevole o innocente? Ci vediamo domani alle 21.15 all'Auditorium delle Clarisse per l'ardua sentenza! Intanto Marina ci prepara con le sue dritte preziose. A presto, e che Dragomania sia! 



Dragomania: le amiche

Di fronte al potere che incombe l'uomo può reagire in diversi modi. C'è chi si sottomette, chi si allea con il tiranno... e chi si fa scivolare tutto addosso! In che categoria mettereste le amiche? Venite il 12 settembre alle 21.15 all'Auditorium delle Clarisse e lo scoprirete! Per chi non potrà esserci ecco il nostro video dedicato. Buona visione!



Dragomania: Il drago

Amici, mi raccomando non mancate mercoledì 12 setttembre alle 21.15 al Teatro delle Clarisse: il Drago è ancora tra noi! Oggi è protagonista anche qui a Dragomania. Come mai Schwarz ha scelto l'antagonista come titolo della propria opera? Scopritelo nel video; guida la riflessione Marina Maffei, regista della Compagnia. 



Dragomania: il primo Borgomastro

Per chi si fosse perso l'ultimo spettacolo della Compagnia, ci vediamo il 12 Settembre alle 21.15 all'Auditorium delle Clarisse per una memorabile replica. Intanto, per i più impazienti, Dragomania torna in scena con il suo quarto episodio. Marina ci guida in una breve riflessione sull'inafferrabile Borgomastro, una maschera a metà tra pazzia e lucidità.



Lancellotto



Cari amici, eccoci di nuovo a voi con la quattordicesima e ultima puntata della rubrica "La Città del Drago". Mancano solo un paio di settimane al grande giorno del 2 Agosto! Ultimo ma non ultimo, ecco a voi il protagonista assoluto dello spettacolo, il cavaliere ideale, Lancellotto!

"Buongiorno!!! Ecco qua il vostro eroe di fiducia, il vostro Lancellotto di quartiere! Avete a che fare con tiranni che tiranneggiano, padroni che spadroneggiano, cattivi così cattivi che di fronte a loro anche don Matteo getterebbe la spugna? Siete sobillati dalle tasse, che neanche lo sceriffo di Nottingham saprebbe fare di meglio? O un feroce drago assassino minaccia il vostro quieto vivere?
Niente paura, ci sono qua io! In un batter d'occhio, in quattro e quattr'otto, in men che non si dica, risolverò il vostro problema e la pace tornerà a regnare nel vostro ridente paese! Parola di Lancell8!
(Se poi per caso, dico per caso, ci fosse una donzella da salvare, di bella presenza, possibilmente non accompagnata, e magari brava a cucinare deliziosi manicaretti... diciamo che schifo non mi farebbe)"

Borgomastro



Cari amici, eccoci di nuovo a voi con la tredicesima puntata della rubrica "La Città del Drago"... Manca ormai pochissimo al grande giorno del 2 Agosto! Oggi è qui con noi uno dei personaggi più esilaranti e profondi di tutta la storia: il Borgomastro! L'emicrania non gli permette di parlare, così ha deciso di presentarsi attraverso una sua pagina di diario.

"Cari Nina e Pino,
L’ha sfidato! L'ha sfidato! Come accidenti è possibile che questo Lancellotto abbia osato sfidare il drago? Ma che cosa gli è venuto in mente?! Ma non si rende conto di che guai mi toccherà passare?? Fa lo splendido lui: "Ti sfido a duello!"... Crede che sia facile fare il borgomastro con il drago???
Chissà, magari alla fine verrà fuori un ordine di arresto per Lancellotto e tutto si sistemerà.
Vedremo... 
Besitos, 
B. 

P. S. Domani devo ricordarmi di sistemare la questione "segretario personale": c'è Heinrich che fa il furbetto (cuore di papà!).
P. P. S Oggi ho visto Elsa... sti ca!"

Dragomania: il rapporto tra Lancellotto ed Elsa

Dragomania è tornata con un nuovo episodio. In questa terza puntata ci siamo voluti soffermare sul personaggio di Elsa. Indiscussa protagonista femminile della fiaba, compare fin dalle primissime scene del primo atto. La continua incertezza ed evoluzione sul suo destino rappresentano un leitmotiv all'interno dell'opera, accompagnandola dalle battute iniziali fino all'epilogo. Il suo personaggio è emblematico ed empaticamente vicino allo spettatore: tutti noi possiamo infatti riconoscerci nella sua quotidiana lotta interiore tra il nulla del già saputo e l'affascinante, e un po' folle, promessa di un nuovo inizio.
Ecco la chiave di lettura che ha voluto indicarci la nostra regista, Marina Maffei.